Scuola della Parola - lectio divina

I frati dell'Istituto propongono un'esperienza di ascolto della parola di Dio mediante la pratica della lectio divina. Si tratta di un incontro vivo con il Signore, con se stessi e con altri credenti attorno alla Parola letta, interpretata, meditata, pregata e condivisa nella chiesa.

Ogni anno viene elaborato un itinerario che accoglie le indicazioni della Chiesa universale e della Diocesi di Padova. L'esperienza della lectio si tiene nella sede dell'Istituto in due successive domeniche ogni mese (solitamente la seconda e la terza) accostando gli stessi testi biblici.

Gli incontri iniziano alle 9.00 e terminano alle 11.30. Segue, per chi lo desidera, la celebrazione eucaristica domenicale.

Se vuoi consuiltare l'archivio degli incontri delle precedenti edizioni clicca qui...

-> Pdf volantino 2017-2018 clicca qui

lectio 2017-2018

il cammino per l'anno 2017-2018

LA GIOIA DEL VANGELO

«Esiste una modalità concreta per ascoltare quello che il Signore vuole dirci nella sua Parola e per lasciarci trasformare dal suo Spirito. È ciò che chiamiamo lectio divina. Consiste nella lettura della Parola di Dio all’interno di un momento di preghiera, per permetterle di illuminarci e rinnovarci» (EG 152).

Il percorso di lectio divina 2017-2018, promosso dai frati minori conventuali e da alcuni docenti appassionati dell’Istituto Teologico S. Antonio Dottore, intende attingere dalle pagine della Bibbia il significato e il valore autentico della gioia cristiana: la «Gioia del Vangelo», che con tanta forza e convinzione traspare dai gesti e dalle parole di Papa Francesco. Le prime parole dell’esortazione apostolica Evangelii gaudium tratteggiano a tinte luminose e indelebili l’essenziale della vita cristiana. Si tratta dell’incontro gioioso e liberante con una persona: Gesù di Nazaret, «il Figlio di Dio che mi ha amato e ha dato se stesso per me» (Gal 2,20).

La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall’isolamento. Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia (EG 1).

La lectio divina

La lectio divina è un’esperienza di lettura pregata della Bibbia, che si articola nei seguenti momenti:
- invocazione allo Spirito Santo, chiedendo umiltà per ascoltare e intelligenza per comprendere la Parola di Dio;
- lettura del testo biblico e suo approfondimento guidato da una persona competente;
- meditazione dei significati della Parola, perché diventino alimento della vita spirituale del credente;
- preghiera come risposta a Dio che ha parlato, e contemplazione del suo modo di essere presente nel-la storia di ieri e di oggi;
- condivisione fraterna per uno scambio dei doni dello Spirito, quale autentica esperienza di chiesa.

Luogo e orario

Gli incontri si tengono all’Istituto Teologico “S. Antonio Dottore” dei Frati Minori Conventuali - via S. Massimo 25, Padova - tel. 049 8200711.

L’Istituto è raggiungibile in autobus (fermata Ospedale): la domenica con i numeri 41 e 43; nei giorni feriali con i numeri 5, 6, 24. Possibilità di parcheggio interno con entrata in via S. Eufemia 13bis.

Gli incontri iniziano alle 9.00 e terminano alle 11.30.
Segue per chi lo desidera la celebrazione eucaristica domenicale.

Da ottobre 2017 a marzo 2018, l’incontro sarà replicato in due domeniche successive, per garantire una maggiore possibilità di partecipazione.

Coordinatore dell'iniziativa:  fr. Antonio Bertazzo, ofmconv

Qui sotto le date degli incontri (in
grassetto gli appuntamenti già proposti):

ISTRUZIONI:   gentili utenti, a causa di frequenti problemi con il vecchio servizio di archiviazione files (DivShare), abbiamo dovuto cambiare modalità (ora GoogleDrive). Pertanto cliccando nei link qui sotto attivi verrete inviati in una nuova pagina che contiene tutti i files pdf e mp3. Dalle lista selezionate il file che desiderate visionare (pdf) o scaricare (pdf e mp3 download). Per attivare il download cliccate sulla freccetta disegnata "rivolta in basso" e posizionata in alto dello schermo. Se vi dovesse comparire un messaggio in inglese circa il file mp3 non temete e procedete pure.
 
Archivio generale files 2017-2018, clicca QUI.

1.
8 e 15 ottobre 2017
La gioia evangelica (EG 1-3)
«Beati i poveri in spirito» (Mt 5,1-16)
fr. Gilberto Depeder ofmconv
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
2.
12 e 19 novembre 2017
Allegria, audacia, piena dedizione (EG 49; 109)
«Davide danzava con tutte le forze davanti al Signore» (2Sam 6,11-23)
fr. Antonio Ramina ofmconv
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
3.
10 e 17 dicembre 2017
La gioia della ricerca, la ricerca della Gioia (EG 262)
«Provarono una gioia grandissima» (Mt 2,1-12)
fr. Antonio Bertazzo ofmconv
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
4.
14 e 21 gennaio 2018
Non lasciamoci rubare la gioia del dono (EG 2; 10)
«Se ne andò rattristato» (Mc 10,17-22)
fr. Andrea Vaona ofmconv  
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
5.
11 e 18 febbraio 2018
Non lasciamoci rubare l’ideale dell’amore fraterno (EG 100-101)
«Gli corse incontro, lo abbracciò… e piansero» (Gen 32,23-33,4)
prof.ssa Roberta Ronchiato, biblista
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
6.
11 e 18 marzo 2018
Non lasciamoci rubare il Vangelo (EG 97; 272)
«Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia» (Lc 19,1-10)
sorella Viviana Tosatto, Discepole del Vangelo
(n.b.: ci scusiamo per la qualità audio mediocre del file mp3, dovuta ad inconvenienti tecnici)
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
7.
15 aprile 2018
Non lasciamoci rubare la comunità (EG 92)
«I discepoli gioirono al vedere il Signore» (Gv 20,19-31)
fr. Fabio Scarsato ofmconv
Clicca qui per accedere alla sezione per scaricare il file pdf e il file mp3
8.
13 maggio 2018
Non lasciamoci rubare la gioia dell’evangelizzazione (EG 21; 83)
«I settantadue tornarono pieni di gioia» (Lc 10,1-24)
9.
10 giugno 2018
Non lasciamoci rubare la speranza (EG 86)
«Nessuno potrà togliervi la vostra gioia» (Gv 16,20-33)
ultimo aggiornamento pagina: 15 marzo 2018
N.B.
gentili utenti, a causa di frequenti problemi con il vecchio servizio di archiviazione files (DivShare), abbiamo dovuto cambiare modalità (ora GoogleDrive). Pertanto cliccando nei link qui sopra quando attivi verrete inviati in una nuova pagina che contiene tutti i files pdf e mp3. Dalle lista selezionate il file che desiderate visionare (pdf) o scaricare (pdf e mp3 download). Per attivare il download cliccate sulla freccetta disegnata "rivolta in basso" e posizionata in alto dello schermo.

Se vi dovesse comparire un messaggio in inglese circa il file mp3 non temete e procedete pure

-> Pdf volantino 2017-2018 clicca qui

 

La parola del magistero...

A CHIESA HA SEMPRE VENERATO le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso di Cristo, non mancando mai, soprattutto nella sacra liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo, e di porgerlo ai fedeli.
Insieme con la sacra Tradizione, ha sempre considerato e considera le divine Scritture come la regola suprema della propria fede; esse infatti, ispirate come sono da Dio e redatte una volta per sempre, comunicano immutabilmente la parola di Dio stesso e fanno risuonare nelle parole dei profeti e degli apostoli la voce dello Spirito Santo.
E' necessario dunque che la predicazione ecclesiastica, come la stessa religione cristiana, sia nutrita e regolata dalla sacra Scrittura. Nei libri sacri, infatti, il Padre che è nei cieli viene con molta amorevolezza incontro ai suoi figli ed entra in conversazione con essi; nella parola di Dio poi è insita tanta efficacia e potenza, da essere sostegno e vigore della Chiesa, e per i figli della Chiesa la forza della loro fede, il nutrimento dell'anima, la sorgente pura e perenne della vita spirituale.
Perciò si deve riferire per eccellenza alla sacra Scrittura ciò che è stato detto: «viva ed efficace è la parola di Dio» (Eb 4,12), «che ha il potere di edificare e dare l'eredità con tutti i santificati» (At 20,32; cfr. 1Ts 2,13).

Concilio Vaticano II, cost. dogm. Dei Verbum, n. 21