Scuola della Parola - lectio divina

I frati dell'Istituto propongono un'esperienza di ascolto della parola di Dio mediante la pratica della lectio divina. Si tratta di un incontro vivo con il Signore, con se stessi e con altri credenti attorno alla Parola letta, interpretata, meditata, pregata e condivisa nella chiesa.

Ogni anno viene elaborato un itinerario che accoglie le indicazioni della Chiesa universale e della Diocesi di Padova. L'esperienza della lectio si tiene nella sede dell'Istituto in due successive domeniche ogni mese (solitamente la seconda e la terza) accostando gli stessi testi biblici.

Gli incontri iniziano alle 8.30 e terminano alle 11.30. Segue, per chi lo desidera, la celebrazione eucaristica domenicale.

il cammino per l'anno 2006-07

Accostando brani dell'Antico e del Nuovo Testamento, seguiremo lo schema tradizionale della lectio divina: un incontro vivo con il Signore, con se stessi e con altri credenti attorno alla Parola letta, interpretata, meditata, pregata, condivisa, coscienti che la Parola rigenera la chiesa, la guida e la fa vivere nel mondo secondo la feconda logica evangelica del servizio e del lievito. Il tema dell'anno sarà Famiglie rigenerate dalla Parola. Le date degli incontri sono le seguenti:

1.
8 e 15 ottobre 2006
«Dio ha visitato e redento il suo popolo» (Lc 1,67-79)
Il fondamento della speranza cristiana | pdf | mp3
2.
12 e 19 novembre 2006
«La sua misericordia si estende di generazione in generazione» (Lc 1,39-55)
L’orizzonte della speranza cristiana | pdf | mp3
3.
10 e 17 dicembre 2006
«Luce per illuminare le genti» (Lc 2,22-38)
L’attesa nella speranza cristiana | pdf | mp3
4.
14 e 21 gennaio 2007
«Di tutte più grande è la carità» (1Cor 12,28-13,13)
La carità come scelta di vita cristiana | pdf | mp3
5.
11 e 18 febbraio 2007
«Per questo voi siete passati dal vostro servo» (Gen 18,1-15)
La carità come ospitalità | pdf | mp3
6.
11 e 18 marzo 2007
«Apri generosamente la mano» (Dt 15,1-18)
La carità come solidarietà | pdf | mp3
7.
22 aprile 2007
«Ora so che tu temi Dio» (Gen 22,1-19)
Timore e tremore nella fede | pdf | mp3
8.
13 maggio 2007
«Date loro voi stessi da mangiare» (Mt 14,13-21)
La fede che alimenta la vita | pdf | mp3
9.
10 giugno 2007
«Donna, perché piangi?» (Gv 20,1-2.11-18)
La fede come testimonianza del Risorto | pdf | mp3
   
 
torna alla pagina della lectio del 2009-10

La parola del magistero...

A CHIESA HA SEMPRE VENERATO le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso di Cristo, non mancando mai, soprattutto nella sacra liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo, e di porgerlo ai fedeli.
Insieme con la sacra Tradizione, ha sempre considerato e considera le divine Scritture come la regola suprema della propria fede; esse infatti, ispirate come sono da Dio e redatte una volta per sempre, comunicano immutabilmente la parola di Dio stesso e fanno risuonare nelle parole dei profeti e degli apostoli la voce dello Spirito Santo.
E' necessario dunque che la predicazione ecclesiastica, come la stessa religione cristiana, sia nutrita e regolata dalla sacra Scrittura. Nei libri sacri, infatti, il Padre che è nei cieli viene con molta amorevolezza incontro ai suoi figli ed entra in conversazione con essi; nella parola di Dio poi è insita tanta efficacia e potenza, da essere sostegno e vigore della Chiesa, e per i figli della Chiesa la forza della loro fede, il nutrimento dell'anima, la sorgente pura e perenne della vita spirituale.
Perciò si deve riferire per eccellenza alla sacra Scrittura ciò che è stato detto: «viva ed efficace è la parola di Dio» (Eb 4,12), «che ha il potere di edificare e dare l'eredità con tutti i santificati» (At 20,32; cfr. 1Ts 2,13).

Concilio Vaticano II, cost. dogm. Dei Verbum, n. 21