Scuola della Parola - lectio divina

I frati dell'Istituto propongono un'esperienza di ascolto della parola di Dio mediante la pratica della lectio divina. Si tratta di un incontro vivo con il Signore, con se stessi e con altri credenti attorno alla Parola letta, interpretata, meditata, pregata e condivisa nella chiesa.

Ogni anno viene elaborato un itinerario che accoglie le indicazioni della Chiesa universale e della Diocesi di Padova. L'esperienza della lectio si tiene nella sede dell'Istituto in due successive domeniche ogni mese (solitamente la seconda e la terza) accostando gli stessi testi biblici.

Gli incontri iniziano alle 9.00 e terminano alle 11.30. Segue, per chi lo desidera, la celebrazione eucaristica domenicale.

il cammino per l'anno 2009-10

In occasione degli ottocento anni dall’approvazione della Regola di vita francescana da parte di papa Innocenzo III, il ciclo di incontri, nell’anno 2009-2010, intende presentare alcuni testi del Nuovo Testamento che hanno segnato profondamente l’esperienza di Francesco d’Assisi e ne hanno ispirato la forma di vita, facendo di lui, secondo un’espressione fatta propria dall’attuale pontefice Benedetto XVI, un autentico «vangelo vivente».

Accostando ai testi biblici alcuni brani tratti dalle Fonti Francescane, seguiremo lo schema tradizionale della lectio divina: «Come Francesco, cominciate sempre da voi stessi. Siamo noi per primi la casa che Dio vuole restaurare. Se sarete sempre capaci di rinnovarvi nello spirito del Vangelo, continuerete a rendere sempre più bello il suo volto di sposa di Cristo» (Benedetto XVI, Discorso ai membri della famiglia francescana, 18 aprile 2009).

Titolo degli incontri annuali sarà «Conosco Cristo, povero e crocifisso». Francesco interprete del Vangelo. Le date degli incontri (in grassetto gli appuntamenti già proposti):

(N.B.: nell'elenco qui sotto clicca su |pdf| per scaricare il file con il testo della lectio; clicca su |mp3| per scaricare il file mp3 'zippato' dell'audio dell'incontro; sotto l'elenco trovi un player per ascoltare on-line l'audio degli incontri)

1.
11 e 18 ottobre:
«Chi vuole diventare grande sarà vostro servitore»
(Mt 20,20-28)

Il sogno di Spoleto e la scoperta della volontà di Dio
padre Gianni Cappelletto, ofm conv
| pdf | mp3 |
2.
8 e 15 novembre:
«Cercava di vedere chi era Gesù»
(Lc 19,1-10)
L'incontro con il lebbroso e la condivisione dell'amore ricevuto
padre Antonio Ramina, ofm conv
| pdf | mp3 |
3.
13 e 20 dicembre:
La gloria del Signore li avvolse di luce
(Lc 2,8-20)
Il Natale di Greccio e la luce che solo i poveri sanno vedere
padre Giuseppe Casarin, ofm conv
| pdf | mp3
4.
10 e 17 gennaio:
«Uno solo è il Padre vostro»
(Mt 23,1-10)

La spogliazione davanti al vescovo e il volto di Dio Padre
padre Mario chesi, ofm conv
| pdf | mp3 |
5.
14 e 21 febbraio:
Chi perderà la propria vita per causa mia la salverà
(Mc 8,34-38)

La lettura del Vangelo e la nuova forma di vita
prof.sa Roberta Ronchiato
| pdf | mp3 |
6.
14 e 21 marzo:
Si compia la tua volontà
(Mt 26,36-46)

L’impressione delle stimmate
e la piena conformazione a Cristo
padre Tiziano Lorenzin, ofm conv
| pdf | mp3 |
7.
18 aprile:
Tutti i credenti stavano insieme
(At 2,42-47)
Il dono dei fratelli e la vita secondo il Vangelo
padre Luciano Fanin, ofm conv
| pdf | mp3 |
8.
9 maggio:
L’obbedienza alla verità
(1Pt 1,3-25)
L’approvazione della Regola di vita e l’obbedienza alla Chiesa
sr. Anna Maria Borghi, smgb
| pdf | mp3 |
9.
6 giugno:
«Mi vuoi bene?» (Gv 21,15-19)
Al termine della vita, ricominciare a servire il Signore
padre Giovanni Voltan, ofm conv
| pdf | mp3 |

Player audio:
per ascoltare on-line l'audio degli incontri cliccare sul tasto triangolare a sinistra.
.

ultimo aggiornamento: 7 giugno 2010
 

La parola del magistero...

A CHIESA HA SEMPRE VENERATO le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso di Cristo, non mancando mai, soprattutto nella sacra liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo, e di porgerlo ai fedeli.
Insieme con la sacra Tradizione, ha sempre considerato e considera le divine Scritture come la regola suprema della propria fede; esse infatti, ispirate come sono da Dio e redatte una volta per sempre, comunicano immutabilmente la parola di Dio stesso e fanno risuonare nelle parole dei profeti e degli apostoli la voce dello Spirito Santo.
E' necessario dunque che la predicazione ecclesiastica, come la stessa religione cristiana, sia nutrita e regolata dalla sacra Scrittura. Nei libri sacri, infatti, il Padre che è nei cieli viene con molta amorevolezza incontro ai suoi figli ed entra in conversazione con essi; nella parola di Dio poi è insita tanta efficacia e potenza, da essere sostegno e vigore della Chiesa, e per i figli della Chiesa la forza della loro fede, il nutrimento dell'anima, la sorgente pura e perenne della vita spirituale.
Perciò si deve riferire per eccellenza alla sacra Scrittura ciò che è stato detto: «viva ed efficace è la parola di Dio» (Eb 4,12), «che ha il potere di edificare e dare l'eredità con tutti i santificati» (At 20,32; cfr. 1Ts 2,13).

Concilio Vaticano II, cost. dogm. Dei Verbum, n. 21