Facoltà Teologica del Triveneto
• Licenza in Teologia Spirituale

Con l’anno accademico 2008-09, prende l’avvio la licenza in Teologia spirituale presso il nostro Istituto.

L’avvio di una nuova specializzazione nell’ambito dell’unica licenza in Teologia della Facoltà Teologica del Triveneto scaturisce da una diffusa domanda di senso più profondo di valori, che si alimentano nella tradizione viva della storia e della riflessione spirituale.

Questa specializzazione è stata sollecitata dai Vescovi della Regione ecclesiastica del Triveneto e accolta dopo matura riflessione dall’Istituto Teologico Sant’Antonio Dottore dei Frati Minori Conventuali. La specializzazione in Teologia Spirituale si pone pertanto quale ulteriore arricchimento per la Facoltà, incrociando alcuni àmbiti della già avviata Licenza in Teologia Pastorale e contribuendo alla comprensione del dato della Rivelazione.

L’idea guida della specializzazione in Teologia spirituale può essere riassunta nella formula «formarsi per formare»: si rivolge quindi sia a quanti, già in possesso del baccalaureato, vogliono approfondire la propria formazione teologica-spirituale; sia a quanti sono impegnati nel campo della formazione, a vari livelli, e desiderano acquisire delle competenze specifiche nel campo del discernimento e dell’accompagnamento spirituale.

Il livello accademico della specializzazione abilita alla ricerca, alla ricerca di una formazione, all’insegnamento nell’ambito teologico.

La Licenza in Teologia Spirituale dispone di un proprio indirizzo web:

http://www.fttr.it/pls/fttr/consultazione.mostra_pagina?id_pagina=214

Se vuoi scrivere un'e-mail alla Segreteria, utilizza questo indirizzo:

segreteria.spiritualita@fttr.it

Important!Informazione

Se vuoi scoprire ulteriori dettagli sulle molteplici attività accademiche della Facoltà Teologica del Triveneto, visita il sito della Facoltà.

Preleva il fascicolo illustrativo dei corsi accademici della licenza per l'anno 2008-09 (clicca sull'icona a fianco).

La parola dei santi...

UANDO L'ANIMA DESIDERA veramente il Signore, possiede già quello che ama. Se l’anima cerca Dio, molto più il suo Amato cerca lei.

Per poter gustare il tutto, non cercare il gusto in nulla. Per poter conoscere il tutto, non voler sapere nulla. Per poter possedere il tutto, non voler possedere nulla. Per poter essere tutto, non voler essere nulla.

Per raggiungere ciò che ora non godi, devi passare per dove non godi. Per arrivare a ciò che non sai, devi passare per dove non sai. Per arrivare al possesso di ciò che non hai, devi passare per dove non hai. Per giungere a ciò che non sei, devi passare per dove non sei.

Se ti fissi su qualcosa, tralasci di slanciarti verso il tutto. Se vuoi giungere per davvero al tutto, devi rinnegarti totalmente in tutto. E qualora giungessi ad avere il tutto, devi possederlo senza voler nulla.

In questa nudità lo spirito, trova il suo riposo, perché non bramando nulla, nulla lo affatica nell’ascesa verso l’alto, nulla lo sospinge verso il basso, perché è nel centro della sua umiltà.

San Giovanni della Croce